Ciambella Black&White 

La ciambella bicolore è una di quelle “casalinghe” che ci piace di più, perché ci riporta all’infanzia. A me piace molto a forma di ciambella e so che piace molto anche ai bambini. La chiamo da sempre Black&white, bianca e nera, perché così la chiamava mia nonna.

Preferisco prepararla a forma di ciambella perché ha una forma giocosa, allegra, e poi è bella da vedere una volta tagliata. Le varianti sono veramente tante, la più conosciuta è la cosiddetta ciambella “marmorizzata”, per le caratteristiche venature di cioccolato, molto simili a quelle del marmo. Ogni famiglia ha la sua ricetta, che si tramanda di madre in figlia. Quella che vi propongo, come per gli altri dolci, è semplice da preparare, genuina e gustosa. Ottima per la colazione o la merenda, non solo dei più piccoli.

Ciambella bicolore della nonna

Ingredienti per 8 persone
250 gr di Farina 00 + 2 cucchiai di Farina per la lavorazione
100 gr di Burro 
150 gr di Zucchero
3 Uova medie 
140 gr di latte 
1 bustina da 16 gr di Lievito per dolci 
1 Baccello di Vaniglia o una bustina di Vanillina
1 pizzico di sale 
2 cucchiai di Cacao amaro

 

Procedimento
La preparazione della torta inizia ricordandosi di mettere a temperatura ambiente gli ingredienti conservati in frigo 30′ prima di lavorarli. Il burro va tolto dal frigo ancora prima, circa 1 ora.
In una ciotola montate a crema lo zucchero, il burro, la vaniglia con un pizzico di sale, meglio se con l’aiuto di una frusta; aggiungete le uova continuando a girare e lentamente inserite la farina con il lievito e, a filo, il latte in modo che il tutto sia ben liscio e senza grumi.
A questo punto, dividete l’impasto in due parti uguali: in una aggiungete 2 cucchiai rasi di farina 00, nell’altra 2 cucchiai rasi di cacao amaro.
Prendete un stampo per ciambelle da 24 cm, alto 10 cm, imburrate e infarinate bene e poi iniziate a versare l’impasto 2-3 cucchiai alla volta, alternando quello bianco con quello al cacao.
Una volta terminato di riempire lo stampo, con l’aiuto di uno stuzzicadenti, o con uno stecchino da spiedino, effettuate delle spirali nell’impasto oppure formate dei cerchi, andando anche in profondità.

Quando sfornare il ciambellone

Cuocete a forno statico a 170° per 50 minuti. Valutate la cottura con la classica “prova spaghetto” per verificare se la torta ha raggiunto la cottura perfetta. Se lo spaghetto esce asciutto dai saggi effettuati, potete rimuovere la torta dal forno e lasciarla raffreddare.

Anny Eboli

Articoli correlati